I CAMPIONI RESTANO I CAMPIONI, IL REAL MADRID E’ ANCORA IL NR 1

40
LONDON, ENGLAND - JUNE 01: General view inside the stadium as Match Officials and players of both teams line up, as fans form tifos, prior to the UEFA Champions League 2023/24 Final match between Borussia Dortmund and Real Madrid CF at Wembley Stadium on June 01, 2024 in London, England. (Photo by Christopher Lee - UEFA/UEFA via Getty Images)

Esplode la marea bianca a Wembley il Real Madrid vince la Champions League ed è Campione d’Europa per la 15° volta nella sua storia. Carlo Ancelotti conquista anche Londra e ne diventa Re d’Inghilterra per una notte. Partita sofferta del Real che con umiltà ha tenuto duro al grande agonismo messo in campo dal Borussia Dortmund. I tedeschi hanno fatto una grande partita ricca di intensità e di forza, hanno rischiato seriamente di portare la coppa a casa. Purtroppo però sono sono ceduti i nervi e non ha più tenuto il campo come avrebbe dovuto. La differenza tecnica alla lunga ha preso il sopravvento ed i blancos hanno conquistano la coppa (l’ultima prima della nuova super Champions) diventando imperatori d’Europa. Prossimo appuntamento la Supercoppa Europea contro l’Atalanta di Gasperini.

PRIMO TEMPO BORUSSIA DORTMUND-REAL MADRID

Partita che non ha neanche il tempo di iniziare e subito viene interrotta per almeno 2 minuti causa invasione di campo. Per diversi minuti tra le due squadre regna un meraviglioso equilibrio. Fase di studio e ritmi ancora contenuti la fanno da padrone , si attende solo una giocata di alto livello per dare la svolta. Ci prova il Real al 12° con una bella combinazione che porta Valverde a concludere di sinistro dalla distanza ma il pallone finisce alto. Decisamente molto più pericoloso il Borussia Dortmund 2 minuti dopo: lancio di Schlotterbeck per Fullkrug che parte in posizione regolare alle spalle di Rudiger, a rimorchio arriva Brand che riceve palle e calcia senza pensarci due volta. Pallone che non trova di poco la porta.

Al 15° ci riprova il Real Madrid con Vinicius con un altro tiro dal limite dell’area. Impreciso anche il sinistro del brasiliano e anche lui manda la palla sopra la traversa. Si sono alzati però i ritmi a Wembley e lo spaccatolo sale ulteriormente di qualità. I blancos tremano al 21°: verticalizzazione stupenda di Hummels, Rudiger pecca di poca reattività e il pallone giunge ad Adeyemi che ha davanti una prateria e si invola verso Courtois. Il numero 1 del Real è bravissimo a chiudere lo specchio senza fare fallo costringendo il giocatore tedesco ad allargarsi. Questo ha permesso a Carvajal di intervenire con una decisiva diagonale difensiva che ha indotto il giocatore del Borussia di concludere in modo adeguato e questo ha permesso il salvataggio in scivolata di Nacho. Gialloneri vicinissimi al vantaggio.

I ragazzi di Ancelotti rischiano tantissimo anche al 24° e, ancora una volta, a causa di una difesa troppo perforabile centralmente. Ne approfitta Sancho che serve Fullkrug. Il momento del centravanti tedesco mette in difficolta i centrali dei real e da solo davanti a Courtois colpisce il palo. Real Madrid in palese affanno. Tedeschi a pochi centimetri dal vantaggio. Forse entrambe le occasioni sarebbero state annullate dal VAR per fuorigioco ma in ogni caso queste due azioni clamorose non finalizzate per pochi centimetri creano un allarme rosso fuoco nella difesa del real. Il Real finalmente trova compattezza e reagisce al 27° con Vinicius che mette in mezzo un pallone invitante per Jude Bellingham. Provvidenziale Schlotterbeck in anticipo sul centrocampista inglese.

Ma il Borussia non ha nessuna paura e prova ancora ad approfittare i suoi velocisti per mettere in difficoltà la retroguardia madrilena. Al 27° Adeyemi calciare col sinistro, il suo diagonale respinto da Courtois. Sulla ribattuta prova a calciare Fullkrug, ma non riesce ad impattare bene sul pallone che diventa facile preda del portiere. I tedeschi stanno decisamente meritando di passare in vantaggio ma lo 0-0 resiste. I gialloneri ci provano dalla lunga distanza con un tiro di Sabitzer al 41°. L’austriaco prende la mira dalla distanza e calcia col destro: ci mette le mani Courtois che respinge. Non se l’è sentita il belga di trattenere e ha preferito mandare in angolo. E’ l’ultima azione del primo tempo, spettatori pronti ad altri -entusiasmanti – 45 minuti.

SECONDO TEMPO

Nonostante l’inizio subito accelerato del Borussia è il Real – per ben due volte consecutive – ad andare in vantaggio: prima con Kroos su calcio di punizione velenoso al 49° (smanaccia in angolo Kobel) e subito dopo sugli sviluppi del corner con Carvajal che svetta di testa ma il pallone esce di poco. La tensione cresce man mano che il 90° si avvicina e questo fa calare inevitabilmente (seppur di poco) lo spettacolo. Il Real prova a rompere l’equilibrio al 57° con Carvajal. Il terzino spagnolo sfrutta uno dei pochi errori difensivi del Borussia per calciare verso Kobel ma il tiro è smorzato da Maatsen ed il pallone viene bloccato da Kobel.

Al 63° si rinnova il duello Courtois-Fullkrug e ancora una volta è il portiere belga del Real a vincere. Dalla trequarti Brandt serve Adeyemi, che crossa per l’inserimento in corsa del numero 14 giallonero che colpisce di testa ma ci mette i pugni Courtois. Il Real però in questa fase di gara riesce maggiormente a mettere pressione alla retroguardia tedesca e si rende pericoloso in diverse circostanze pure non realizzando occasioni clamorose. Occasione che finalmente arriva al 70°: Vinicius crossa in area dalla sinistra, Bellingham cerca di capire di testa ma non riesce a toccare il pallone e per poco Kobel non crea un pasticcio con il suo pessimo tempismo in uscita alta. Pallone fuori di pochissimo. Primo errore della partita del portiere tedesco che poteva costare caro.

Il Borussia però non ha fatto i conti con quello che è l’uomo più in forma del Real in questo match: Daniel Carvajal. E’ proprio il terzino destro spagnolo a portare in vantaggio i blancos al 74°  su corner di Tony KroosCarvajal anticipa tutti, pizzica il pallone con i tempi perfetti e segna. Imparabile per Kobel. Real che ha con Jude Bellingham al 77° il pallone che poteva chiudere il match una volta per tutte. Camavinga serve l’ex di turno da ottima posizione, destro piazzato dell’inglese ma la deviazione di Schlotterbeck salva i tedeschi.  Prova allora a chiuderla con Kroos ma ancora con un pericolosissimo calcio i punizione ma ancora una volta è bravo in tuffo Kobel. Il centrocampista tedesco sperava di celebrare l’ultima partita con il Real mettendo il suo nome nel debellino dei marcatori.

Il Borussia sembra essersi perso e Camavinga prova ad approfittarne con un bellissimo tiro dalla distanza all’82° ma è bravissimo Kobel a salvare i suoi ed a tenere aperta la partita. E’ un assedio madrileno. Sul corner altro colpo di testa, questa volta di Nacho e ancora una volta ci mette la mano Kobel. I miracoli però non sono infiniti ed a forza di spingere il Real trova il gol che chiude la partita con una prodezza da pallone d’oro di Vinicius. Maatsen si fa sorprendere da Bellingham, che apre per Vinicius. Bellissimo diagonale vincente del brasiliano che vale il raddoppio. Il Real Madrid ha le mani sulla Champion League.

Il Borussia non si arrende e accorcia le distanze al’86’ con un colpo di testa Fullkrug che finalmente vince il duello con Courtois. Purtroppo per lui però il gol viene annullato per una sua posizione di fuorigioco. il risultato resta sullo 0-2. Gli sforzi tedeschi però sono vani.

TABELLINO E PAGELLE DI BORUSSIA DORTMUND-REAL MADRID  0–2

BORUSSIA DORTMUND (4-2-3-1): Kobel 6,5; Ryerson 6, Hummels 7, Schlotterbeck 6,5, Maatsen 5,5; Sabitzer 6, Emre Can 6 (80′ Malen 5,5); Sancho 6, Brandt 6,5 (80′ Haller 5,5), Adeyemi 6,5 (72′ Reus 6); Fullkrug 6,5. Allenatore: Terzic 6,5

REAL MADRID (4-3-1-2): Courtois 6,5; Carvajal 7, Rudiger 6, Nacho 6,5, Mendy 6; Valverde 6, Camavinga 6,5, Kroos 6,5 (84′ Modric 6); Bellingham 6 (84′ Joselu 6); Rodrygo 6, Vinicius 6 (94′ Vazquez s.v.). Allenatore: Ancelotti 7

Marcatori: 74′ Carvajal (RM), 83′ Vinicius (RM)

Ammonizioni: 35′ Vinicius (RM), 40′ Schlotterbeck (BD), 43′ Sabitzer (BD)

Espulsioni: //

SHARE