LIVERPOOL, VINTA LA SCOMMESSA SU LUIS DIAZ

19
Luis Diaz attaccante colombiano, ha cambiato il corso della partita del Liverpool in “Ceramika” contro il Villarreal. Luis Diaz è stato il trucco eseguito da “Merlin” Jurgen Klopp e il Liverpool ha messo le cose al loro posto contro il Villarreal.

Lascia che lo dicano i suoi compagni di squadra, dopotutto lo spiegano bene. È un giocatore speciale, speciale, con un talento incredibile e ci sta perfettamente. “È speciale dal primo giorno in cui è con noi”, ha detto Andy Robertson. “È incredibile. Il modo in cui va in uno contro uno. Non importa chi c’è di fronte a lui, sta solo venendo verso di te. Se perde palla, cade di nuovo con slancio per riconquistarla”.

È impressionante la rapidità con cui il colombiano si è adattato all’Inghilterra. Sarebbe perfettamente comprensibile se avesse alti e bassi, i soliti del periodo “io imparo e loro mi insegnano”. Eppure, no. Nonostante sia stato acquisito solo lo scorso gennaio, sembra essere pronto da molto tempo. In Spagna, i “rossi” hanno sfruttato al meglio questa prontezza. E lo hanno visto fare la differenza in pochissimo tempo

Luis Diaz era l’ingranaggio mancante

Diaz ha creato nuovi dati, subito. Osservatori attenti (vedranno). Come mostro carnivoro che giocava con la sua vittima, iniziò a testare Juan Voight. In termini di terzino destro, l’argentino del Villarreal aveva fatto molto bene nel primo tempo, contro Mane. Ma non è stato lo stesso dopo. Affatto. Il colombiano stava rallentando una volta, accelerando uno, avvicinandosi a lui, uno allontanandosi. Per prendere i suoi tsabouka, per impararlo, per vedere se lo ha. La risposta è stata enfatica. Lei lo aveva. Con quanto sopra.

Cominciarono ad arrivare le buone azioni, le occasioni, i falli vinti. Creare un paesaggio completamente diverso. L’ex asso del Porto, infatti, è stata la marcia che ha fatto tornare a funzionare a dovere il motore del Liverpool. Perché la squadra inglese, non dimentichiamolo, non fa affidamento su un giocatore. È stato un problema calcistico al 100% che Klopp ha affrontato e risolto. Come fai a fare di nuovo la mossa statica? Come smetti di essere prevedibile? Come trovare le mosse giuste? Come si fa a prendere di nuovo il sopravvento, giocosamente e psicologicamente?

Il Liverpool si prepara alla settima Champions League/Coppa dei Campioni della sua storia. E la sua arma più grande è che ha giocatori che si inseriscono armoniosamente nel tutto mentre allo stesso tempo fanno la differenza individualmente. Buon tempo come Luis Diaz. Naturalmente, la più grande benedizione del club è saldamente in panchina. Ecco perché il signor Klopp sarà lì fino al 2026 è un po’ come se la Quadrupla fosse già stata conquistata.

SHARE